Lo STAGE: una reale opportunità di lavoro?

Cosa c’è dietro ad uno stage? percorsi formativi con lo scopo di inserirvi in azienda o soluzioni alternative per non assumere mai?Vediamo insieme come distinguere le une dalle altre.

Sarà capitato anche a te…giovane, zero esperienza e in cerca di un’opportunità ,all’ invio della candidatura per il tuo primo stage, porti la domanda: “E dopo? Mi assumeranno?”

Nell’ incertezza più totale con la speranza di essere chiamato clicchi sul bottone “Invia Curriculum”e… E’ fatta! In fondo è facile.
Invii, invii, invii, cercano uno stagista laureato in fisica quantistica, invii il cv lo stesso e via, ora non resta che aspettare.

A prescindere dal fatto che, prima di candidarti per una posizione lavorativa, dovresti leggere molto bene l’annuncio (perché anche per fare uno stage servono dei “requisiti”) non è possibile sapere in anticipo se ti assumeranno.

Quando si parla di lavoro tutti desiderano avere delle certezze.

Anche l’azienda quando riceve il tuo cv, si pone delle domande: Sarà la persona giusta? Potrò affidargli delle responsabilità? E’ una persona affidabile?

Per sciogliere in parte queste incertezze è stato creato lo stage: praticamente un contratto di prova della durata di 6 mesi.

Se ti dice sfiga finirai nel turbine dello Stage Rolling cioè uno stage senza felice conclusione dove manager di medio livello desiderano avere una persona che li assista. Questo succede quando le aziende non possono permettersi di assumere una segretaria o un’assistente, o semplicemente un profilo junior per quella posizione, e quindi organizzano programmi stage a rotazione (di 6 mesi) per coprire il “buco”.

Cosa fare?
Se sei al tuo primo stage e non hai ancora le idee chiare per il futuro accetta!
Il vantaggio è quello di poter inserire un esperienza nel tuo magro CV.

Se invece sei fortunato, ma spesso già in fase di colloquio le aziende potrebbero comunicarlo, sarai contattato da una azienda che propone uno stage “Finalizzato all’ assunzione”. In generale si tratta di un tipo di stage molto più faticoso, ma che garantisce qualche probabilità in più un futuro inserimento in azienda.

Come si riconoscono gli stage rolling dagli stage finalizzati all’ assunzione?
Come già detto, le aziende dovrebbero comunicare la natura dello stage ma spesso capita che, avendo paura di promettere contratti che poi, per motivi di budget o altro, possono non essere finalizzati, preferiscono non comunicare l’obiettivo del tirocinio.
Dall’ altro lato alcune aziende credono che questa mancanza di comunicazione esplicita potrebbe motivare lo stagista sfidandolo a fargli dare il massimo poiché motivato dalla speranza di poter trasformare lo stage in un lavoro.

Ecco quindi, alcuni trucchi per capire di che natura sarà lo stage:

1.L’annuncio:
Come già detto l’annuncio va letto con molta attenzione.
Fate una ricerca su Google, incollando il titolo dell’annuncio e il nome dell’azienda e scrivendo un anno passato (2015, 2016). Se lo stesso annuncio appare sugli aggregatori (indeed, jobrapido ecc..) èd è già stato pubblicato negli scorsi anni c’è poco da dire: con molta probabilità si tratta uno stage rolling.
Se invece questa posizione non era mai stata pubblicata prima, oppure è stata pubblicata solo una volta molti anni fa, si tratta di uno stage finalizzato all’assunzione. Altre volte, quando c’è questa intenzione, l’Azienda lo dichiara esplicitamente.

2. Il colloquio
Se siete chiamati a fare il colloquio da questo si possono capire molte cose.
– Poche fasi: Siete stati contattati e avete svolto il colloquio al telefono?Oppure la fase di selezione consisteva in 1 solo colloquio? O ancora, il colloquio è durato 10 minuti? E’ facile che si tratti di uno stage rolling. Non ha infatti senso investire tempo, risorse e soldi in persone che rimarranno in azienda pochi mesi e che probabilmente non avranno alcuna responsabilità particolare.

– Età del selezionatore: Il colloquio è stato fatto da una recruiter molto giovane o addirittura da un altro stagista? Rolling.

– Tante fasi: Durante la telefonata per fissare il colloquio ti sono state poste altre domande?
– La fase di selezione consisteva in 2 o più fasi di colloquio? (Es: telefonico, individuale, gruppo, manager, test vari…) probabilmente l’azienda ha desiderio di inserire lo stagista in azienda, o               almeno, valuterà questa possibilità (anche in caso di sostituzioni, contratti temporanei ecc..)

3.In ufficio

Se il vostro è un lavoro d’ufficio ci sono altri indizi per capire se la posizione è di natura rolling o si tratta di possibile inserimento:
– Vi viene affidata una mail d’ufficio con il vostro nome e cognome? E’ uno stage finalizzato all’assunzione.
– La vostra mail è generica oppure rispondete per conto di qualcun’ altro? Potrebbe trattarsi di un Rolling.

4. Mansioni
Forse il modo migliore per capire la natura dello stage è… comprendere la natura dello stage!
Cosa fate durante il giorno? Fate solo fotocopie, copia e incolla e risponde al telefono per il junior manager oppure vi hanno assegnato mansioni di responsabilità, creative o di sviluppo? Nel primo caso si tratterà quasi sicuramente di uno stage rolling, è facile capire che la posizione che state ricoprendo temporaneamente… non esiste. Ovvero, si tratta di un aiuto per soddisfare i capricci di qualcuno in ufficio. Se invece lo stage è finalizzato all’assunzione avrete mansioni più specifiche, più complesse e più di concetto, probabilmente significa che quella posizione esiste, o esisterà.

5. I Colleghi
I colleghi e il loro atteggiamento possono essere un aiuto prezioso per comprendere in che modo si muove l’azienda: ci sono altri stagisti in ufficio? Ci sono altri dipendenti che sono stati stagisti in precedenza?
I colleghi vi fanno sentire subito appartenente al gruppo e vi coinvolgono nella loro routine lavorativa? Probabile scopo di assunzione!

Ovviamente ci sono eccezioni a tutti i casi ma con questa guida avrai uno strumento in più per valutare se l’azienda con la quale stai per iniziare il percorso lavorativo
può essere quella per la quale lavorerai anche in futuro.

 

Hai trovato utile questo articolo? Condividilo su Facebook! 😉

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*